archivio rss

Articoli correlati

romanzo-famigliare 12 gennaio 2018

Romanzo Famigliare

In questi giorno ho avuto il piacere d’intercettare in TV una serie televisiva che...

ATTENZIONE! 7 agosto 2017

GENITORI IN AZIONE – Ciclo di incontri per l’infanzia

ATTENZIONE! A partire da Ottobre 2017 la Psicologa e Psicoterapeuta Chiara Falchetti e la...

archivio rss

ci occupiamo di...

In questa sezione troverete solo alcuni dei servizi che lo Studio Con. Te. è in grado di offrire ai suoi utenti e alle sue utenti.

Per qualsiasi informazione o necessità, non indugiate a mettervi in contatto con lo Staff dello Studio, la vostra richiesta sarà trattata con la massima professionalità, tempestività, riservatezza e attenzione.

archivio rss

sempre Con.Te.

romanzo-famigliare 12 gennaio 2018

Romanzo Famigliare

In questi giorno ho avuto il piacere d’intercettare in TV una serie televisiva che...

archivio rss

ti consigliamo

romanzo-famigliare 12 gennaio 2018

Romanzo Famigliare

In questi giorno ho avuto il piacere d’intercettare in TV una serie televisiva che...

12 gennaio 2018

Romanzo Famigliare

romanzo-famigliare

In questi giorno ho avuto il piacere d’intercettare in TV una serie televisiva che mi ha catturato il cuore per due aspetti che avrei piacere di provare a condividere in questo articolo.

La serie è Romanzo Familiare e gli aspetti che mi hanno affascinato sono di stampo psicologico e culturale.

Psicologico

Ho trovato molto bello che una regista come Francesca Archibugi sia stata in grado attraverso una piccola serie televisiva come Romanzo Familiare, di riuscire a condensare così tanti aspetti “sistemici relazionali” così tanto vicini alla mia formazione e professione, tanto da farmi pensare che la registra stessa potesse essere sia una psicoterapeuta sistemico – relazionale.

Cosa sono questi aspetti sistemici – relazionali?

La è un sistema, composto da persone e quindi relazioni. Il film mostra come un semplice evento, che può attraversare una qualsiasi , quale a esempio un trasferimento nella città natale, possa dar luogo a un effetto domino su tutto il sistema familiare connesso, non solo della che ne viene direttamente investito ma anche le famiglie d’appartenenza.

Per dirla in parole povere un sasso gettato in uno stagno dà luogo a delle diffrazioni concentriche che investono anche altri oggetti e si propano nello spazio. Stessa cosa è avvenuta nel film.

Questo succede nelle famiglie…

Ogni giorno siamo investiti da eventi che possono minare la stabilità e la serenità dell’intero sistema familiare, dando origine a nuovi riassestamenti interni e/o esacerbando problemi latenti che si pensavano risolti e affrontati.

Il film mostra come certi aspetti non adeguatamente elaborati (il rapporto padre-figlia), riaffiorino più forti che mai, come per ricordarci che possiamo mettere km di distanza tra noi e i nostri cari ma che sia del tutto inutile perché prima o poi dobbiamo fare i conti con il nostro passato. Oppure come talvolta certe aspetti della nostra vita non adeguatamente affrontati (gravidanze premature) possano riproporsi nelle generazioni successive (sindrome degli antenati), sottolineandoci così quanto sia importante provare ad ascoltarci e a provare ad affrontarci senza scappare da noi stessi e dalle nostre radici, dalle nostre famiglie.

Culturale

L’altro grande aspetto di matrice culturale che vorrei provare ad affrontare riguarda la mia città: Livorno.

Vedendo il film ho pensato e forse capito che Livorno è per me come una famiglia…

Mi spiego meglio.

Molti registi hanno cercato di cogliere con i loro lavori questo aspetto peculiare di Livorno, una città in cui chi ci nasce e vive, vorrebbe andare e chi ci nasce e va via ne soffre la mancanza… Come in famiglia…

In famiglia talvolta si vivono dei momenti, come per esempio durante l’adolescenza, in cui si vorrebbe andare via perché la famiglia ci risulta “troppo stretta” e/o non corrispondente ai nostri bisogni. Ma non avendo soldi e strumenti ancora del tutto adeguati per andare via, si inizia una sorta di “tira e molla”, entrando e uscendo da casa. Un po’ come nel mito dei ricci di Schopenhauer, in cui se si sta troppo vicini ci si “punge” se si sta troppo lontani si muore di freddo.

Quando però una lascia la propria famiglia talvolta il modo in cui la lascia può determinare una profonda mancanza e solitudine.

La grande differenza pertanto sta nel come si lascia la propria famiglia: “sbattendo la porta” e quindi provocando un “taglio emotivo”, vedi “Romanzo Famigliare”, vedi “La prima cosa bella” o la “porta non viene aperta”?

In entrambi i casi l’”uggia”, l’”Ovosodo”, l’ansia ci assale e ci fa stare male senza talvolta farci comprendere cosa sia la cosa più giusta da fare.

Credo che l’essenza di Livorno sia questa, una grande famiglia con cui alla fine si debba fare i conti se si vuole vivere quanto più sereni possibili la propria esistenza.

JP

 

 

RICHIESTA INFORMAZIONI

nome *

cognome *

email *

telefono

messaggio *

Accetto - tutela della privacy

Ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03, la compilazione del modulo costituisce esplicita autorizzazione e consenso alla detenzione e al trattamento dei dati personali, come disposto dal Codice in materia di dati personali. La informiamo inoltre che, relativamente ai dati forniti, potrà esercitare i diritti previsti dall"art. 7 del D.Lgs. 196/03.

i nostri recapiti

contatti telefonici

perchè contattarci

Se avete bisogno di maggiori informazioni in merito ai nostri servizi o ai contenuti pubblicati, se avete perplessità, se pensate che potremmo aiutarvi in qualche modo ma non avete idea di quale possa essere il servizio che potrebbe essere più adatto al caso vostro, potete contattare lo staff di Con.Te. alla mail scrivi@studiocon-te.it. Vi risponderemo entro 48 h.

In alternativa, potete contattare il singolo professionista sia via mail che telefonicamente.

continua thumbnail

Indra Cheli
Psicologo clinico, Psicoterapeuta, Analista Transazionale

320.5635284
continua foto-profilo

Marta Simonetti
Psicologa - Mediatrice Familiare

3898527782
continua chiara falchetti – 2

Chiara Falchetti
Psicologa, Psicoterapeuta

347.1267846
continua foto DJP

Jacopo Piampiani
Psicologo, Psicoterapeuta, Mediatore familiare

335.7470438
continua Moira

Moira Picchi
Psicologa, Psicoterapeuta

393.5328204

via Alessandro Pieroni 27
57123, Livorno