archivio rss

Articoli correlati

#PrimaDellaViolenza 5 ottobre 2016

#PRIMADELLAVIOLENZA: LIVORNO 15/10/2016 – GIORNATA TOSCANA DEGLI UOMINI CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

#PRIMADELLAVIOLENZA: LIVORNO 15/10/2016  GIORNATA TOSCANA DEGLI UOMINI CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE  COMUNICATO STAMPA...

Attenzone! 5 maggio 2016

Quando rivolgersi al logopedista?

Non è mai “troppo” tardi ma neanche “troppo” presto Lo sviluppo tipico del linguaggio...

archivio rss

ci occupiamo di...

In questa sezione troverete solo alcuni dei servizi che lo Studio Con. Te. è in grado di offrire ai suoi utenti e alle sue utenti.

Per qualsiasi informazione o necessità, non indugiate a mettervi in contatto con lo Staff dello Studio, la vostra richiesta sarà trattata con la massima professionalità, tempestività, riservatezza e attenzione.

archivio rss

ti consigliamo

ATTENZIONE! 7 agosto 2017

GENITORI IN AZIONE – Ciclo di incontri per l’infanzia

ATTENZIONE! A partire da Ottobre 2017 la Psicologa e Psicoterapeuta Chiara Falchetti e la...

6 aprile 2014

Quella rabbia che…

rancore

Quante volta capita di provare rancore..? Un sentimento faticoso da accettare ma che può far parte del nostro quotidiano di . Pensiamo a quante volte sul ci troviamo non riconosciuti nei nostri meriti, a quanto spesso ci sono persone che approfittano di noi, amanti che tradiscono la nostra fiducia, ma pensiamo anche alle prese di giro tra i , a quando i compagni di prendono in giro chi è più goffo o più grasso. Sono queste e molte altre ancora le situazioni in cui si può provare rancore per qualcuno. Una esperienza umana, un’emozione non evoluta, ma di cui apertamente si parla poco. Tutti sappiamo che cosa proviamo quando parliamo di rancore ma risulta difficile definirlo. Spesso associato a vocaboli come o risentimento, differisce però da queste in maniera importante. Il rancore può durare più a lungo della e ha un’intensità maggiore del risentimento.

Il rancore si caratterizza quindi per essere un vissuto complesso, un misto di quali la rabbia, il disprezzo, la tristezza, l’astio, il risentimento, così come dell’altra parte l’invidia per chi ha avuto magari più di noi e il rimorso per non avere reagito. Il rancore nasce da diverse che sono la reazione immediata ad un evento, ma la sua caratteristica principale è il risentire, il rimuginare a lungo sull’evento scatenante. Mentre l’odio lo si esterna, il rancore è vissuto intimamente.

Capita spesso che all’interno delle famiglie si creino situazione di squilibrio a livello di risorse affettive, che portano a ferite che sono difficili da rimarginare.

Negli adulti la persistenza di un rancore può arrivare a sconfinare in psicopatologia. Al vissuto del rancore sono classicamente associati il disturbo paranoide di personalità e il disturbo delirante borderline, così come nell’aggressività patologica.

Il rancore nasce come modalità di elaborazione delle emozioni all’interno dei contesti di riferimento, nucleo familiare in primis, contesto culturale che comprende scuola, società e gli ambienti che si frequentano.

Il rancore nasce come una aspettativa venuta meno, un torto subito. Ma che cosa succede una volta che il fatto è accaduto?

Classicamente si attribuisce un grande valore alla possibilità di perdonare. Ma il perdono è un processo che richiede una rielaborazione della ferita subita che permette di eliminare il pensiero ripetitivo. Ma per chi non riesce a perdonare?

Il rancore ha possibilità di estinguersi quanto più rimane una esperienza personale, non condivisa, interiorizzata. La spesso avvia il processo che permette di superare questo vissuto negativo. Possono intervenire svariati fattori esterni a facilitare il processo, quali per esempio una chiarificazione con la coinvolta, l’avvio di nuove ..

La soluzione però da una parte radicale, ma anche più efficace, è avviare una ristrutturazione della realtà, nel tentativo di correggere le interpretazioni che hanno dato avvio all’instaurarsi del vissuto del rancore.

Nel tentativo di capire cosa è successo e perché quel che è accaduto ci ha ferito tanto, possiamo renderci conto anche di un possibile risvolto positivo: la di esser riusciti ad oltrepassare le difficoltà che la vita ci ha presentato e la possibilità di ripartire di nuovo.

 

RICHIESTA INFORMAZIONI

nome *

cognome *

email *

telefono

messaggio *

Accetto - tutela della privacy

Ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03, la compilazione del modulo costituisce esplicita autorizzazione e consenso alla detenzione e al trattamento dei dati personali, come disposto dal Codice in materia di dati personali. La informiamo inoltre che, relativamente ai dati forniti, potrà esercitare i diritti previsti dall"art. 7 del D.Lgs. 196/03.

i nostri recapiti

contatti telefonici

perchè contattarci

Se avete bisogno di maggiori informazioni in merito ai nostri servizi o ai contenuti pubblicati, se avete perplessità, se pensate che potremmo aiutarvi in qualche modo ma non avete idea di quale possa essere il servizio che potrebbe essere più adatto al caso vostro, potete contattare lo staff di Con.Te. alla mail scrivi@studiocon-te.it. Vi risponderemo entro 48 h.

In alternativa, potete contattare il singolo professionista sia via mail che telefonicamente.

continua Dunja Dibiagio – Con.Te.

Dunja Di Biagio
Psicologa, Psicoterapeuta

338.9251643
continua chiara falchetti – 2

Chiara Falchetti
Psicologa, Psicoterapeuta

347.1267846
continua foto DJP

Jacopo Piampiani
Psicologo, Psicoterapeuta, Mediatore familiare

335.7470438
continua Moira

Moira Picchi
Psicologa, Psicoterapeuta

393.5328204

via Alessandro Pieroni 27
57123, Livorno