archivio rss

Articoli correlati

locandina ACAT Oltre il silenzio3-2 24 febbraio 2017

Oltre il silenzio… L’ascolto – Quando la “dipendenza” provoca dolore

Venerdì 24 febbraio 2017 a Pistoia, l’Associazione LUI è stata invitata a partecipare all’evento: “Oltre...

Parla con lei 11 novembre 2016

Parla con lei – dialoghi con donne e uomini per parlare di violenza verso le donne

L’Associazione LUI è stata invitata a prendere parola a un importante Convegno che si...

archivio rss

ci occupiamo di...

In questa sezione troverete solo alcuni dei servizi che lo Studio Con. Te. è in grado di offrire ai suoi utenti e alle sue utenti.

Per qualsiasi informazione o necessità, non indugiate a mettervi in contatto con lo Staff dello Studio, la vostra richiesta sarà trattata con la massima professionalità, tempestività, riservatezza e attenzione.

archivio rss

sempre Con.Te.

#PrimaDellaViolenza 5 ottobre 2016

#PRIMADELLAVIOLENZA: LIVORNO 15/10/2016 – GIORNATA TOSCANA DEGLI UOMINI CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

#PRIMADELLAVIOLENZA: LIVORNO 15/10/2016  GIORNATA TOSCANA DEGLI UOMINI CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE  COMUNICATO STAMPA...

31 luglio 2014

3L: Liberiamo Libri a Livorno

BookCrossing

E’ con piacere che lo Studio Con. Te. – Consulenza e Terapia è lieto di annunciare la realizzazione di una nuova OBCZ nella città di Livorno!

Bello, ma cosa è una OBCZ?

Mai sentito parlare di BookCrossing?

Ok partiamo dal principio!

L’idea di base del BookCrossing è molto semplice e condivisibile: se siete innamorati di un libro non vi piacerebbe farlo leggere a più gente possibile? Il BookCrossing consiste nella “liberazione” di libri allo scopo di poterne seguire il attraverso i commenti di coloro che li ritrovano. Bookcrossing.com è il sito che rende possibile tutto ciò.

Il termine BookCrossing deriva dai termini in lingua inglese , libro e , attraversamento, passaggio, anche noto come , , liberalibri, Libri liberi, Libri in libertà, è un’iniziativa di distribuzione gratuita di libri che ruota intorno all’esistenza di un elenco di volumi identificati da un codice, attraverso cui è possibile seguire la traversata del libro, e il suo incrociarsi con i lettori e/o le lettrici.

L’idea è di rilasciare libri nell’ambiente naturale affinché possano essere ritrovati e quindi letti da chiunque e che questi a loro volta possano altrettanto eventualmente farli proseguire nel loro viaggio. L’iniziativa ha il desiderio di promuovere la cultura in generale di far “incrociare un libro” o “far viaggiare un libro”.

Da quando esiste il Bookcrossing?

L‘idea esiste dal marzo del 2001 da Ron Hornbaker, e da sua moglie Kaori che dopo aver visitato un sito [www.wheresgeorge.com] che permetteva di seguire il tragitto delle banconote attraverso il loro numero di serie, hanno pensato di applicare questo principio ai libri lasciati in giro. Hanno quindi realizzato un web, www.bookcrossing.com, attraverso il quale è possibile dotare i volumi di un codice identificativo unico (BCID – BookCrossing ID) che permetterà di seguire i loro spostamenti a livello mondiale.

Come funziona?

Andate sul sito www.bookcrossing.com e registratevi. L’iscrizione a BookCrossing è gratuita. A fine registrazione il sistema assegna a ogni libro registrato un numero univoco (il BCID), questo dev’essere riportato sul libro (tramite un’etichetta o a mano). Ovviamente è meglio se sul libro oltre a riportare il codice, riportate cosa sia il bookcrossing, o semplicemente riportate un link, a cui rimandare per ulteriori informazioni. Chi ritrova il libro lasciato in libertà può inserire il codice BCID sul sito www.bookcrossing.com e registrarne il ritrovamento e seguire il percorso del libro, si può quindi aggiungere un commento in modo che chi ha rilasciato il libro sappia che fine ha fatto. Il saltare la segnalazione, ad esempio perché non si ha accesso alla rete, non implica comunque che il libro non possa ripartire per il suo viaggio. Dopo averlo letto, se si vuole, si può anche rilasciare il libro nuovamente in libertà su una panchina, su un treno, in un bar, ecc.. Potete liberare i libri dove volete, chiaramente è auspicabile liberarli in posti in cui passa gente, in maniera tale da favorirne il ritrovamento. C’è anche un portale italiano in cui potete trovare tutte le informazioni del caso e gli aiuti necessari per comprendere meglio il funzionamento: www.bookcrossing-italy.com

Perchè farlo?

Tre i principi base che hanno spinto lo Studio Con. Te. – Consulenza e Terapia a intraprendere quest’avventura: la passione per la lettura, la disponibilità alla condivisione della cultura, la libertà d’iniziativa.

Rilasciare un libro è come l’inizio di un’avventura per i proprietari, le proprietarie dei libri, per i libri e per i loro nuovi lettori, le nuove lettrici. Ci sono anche libri che ci sono così tanto piaciuti che avremmo farli leggere a tutto il mondo. A volte invece esistono libri che abbiamo letto e sappiamo che non rileggeremo mai, è un peccato buttarli via, così come tenerli in casa a prendere polvere e/o a ingombrare. Tutti questi sono libri predestinati a essere liberati. Il BookCrossing è un miscuglio di spirito d’avventura, letteratura e anche generosità che noi dello Studio Con. Te. – Consulenza e Terapia troviamo affascinante, romantico e irresistibile. Alcuni lo vedono come una versione moderna dei messaggi nella bottiglia o dei bigliettini attaccati ai palloncini. Altri lo concepiscono come il tentativo di creare un’enorme biblioteca aperta e in viaggio.

Personalmente ho vissuto due episodi che mi hanno spinto a intraprendere questa avventura divenendo un BookCrosser (i membri del BookCrossing, vengono chiamati BookCrossers, in Italia anche BookCorsari o corsari). La prima volta è stata allo IEO – Istituto Europeo Oncologico di Milano, mentre mi trovavo in una sala d’attesa, trovai un libro in cui era spiegato cosa fosse il BookCrossing, trovai la cosa molto interessante ma finì li.

Il secondo episodio è stato quando la mia compagna e io stavamo andando in vacanza in Grecia, a Milo. Saliti sull’aereo, trovammo nel nostro posto un libro in Italiano: “La Strada delle Croci” di Jeffery Deaver, la cosa ci colpì tanto da decidere di prendere il libro e portarlo via con noi per leggerlo. Ci piacque un sacco il libro, soprattutto per la storia che ci legava a lui. Ricollegando i due episodi, oggi abbiamo deciso di liberare quel libro per lasciargli riprendere il suo cammino.

Bene adesso che sapete tutto, cosa è una OBCZ?

Il termine sta a indicare un “Official Book Crossing Zone”, uno spazio ufficiale di scambio di libri BookCrossing, in cui potete liberare i vostri libri e in cui ne potete incontrare di nuovi.

Le Official BookCrossing Zones, abbreviate spesso come o OBCZ, possono essere sale d’attesa ospedaliere, biblioteche, locali pubblici quali bar o negozi che aderiscono in vario modo all’iniziativa (per citarne solo alcune: ALMALIBeRI di Alma Mater Studioroum – Università di Bologna, l’IEO – Istituto Europeo Oncologico, il Meyer e altri ancora). Su Livorno, le uniche OBCZ sono il London Pub e lo Studio Con. Te. – Consulenza e Terapia.

Veniteci a trovare, date un’occhiata, ne vale la pena! Liberiamo libri a Livorno!

Per maggiori informazioni ci trovate in Via Alessandro Pieroni n°27, 57123, Livorno.

Siamo aperti tutti i giorni ma vi preghiamo di contattarci, prendendo quindi appuntamento attraverso la mail di riferimento scrivi@studiocon-te.it o attraverso i numeri di telefono dei diversi professionisti, professioniste che trovate nella sezione “noi siamo” di questo sito.

Oppure ci trovate su:

BookCrossing al nome: Studio_Con_Te

Facebook attraverso la pagina: Studio Con. Te. – Consulenza e Terapia

Twitter: @ConTeLivorno.

JP

RICHIESTA INFORMAZIONI

nome *

cognome *

email *

telefono

messaggio *

Accetto - tutela della privacy

Ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03, la compilazione del modulo costituisce esplicita autorizzazione e consenso alla detenzione e al trattamento dei dati personali, come disposto dal Codice in materia di dati personali. La informiamo inoltre che, relativamente ai dati forniti, potrà esercitare i diritti previsti dall"art. 7 del D.Lgs. 196/03.

i nostri recapiti

contatti telefonici

perchè contattarci

Se avete bisogno di maggiori informazioni in merito ai nostri servizi o ai contenuti pubblicati, se avete perplessità, se pensate che potremmo aiutarvi in qualche modo ma non avete idea di quale possa essere il servizio che potrebbe essere più adatto al caso vostro, potete contattare lo staff di Con.Te. alla mail scrivi@studiocon-te.it. Vi risponderemo entro 48 h.

In alternativa, potete contattare il singolo professionista sia via mail che telefonicamente.

continua Dunja Dibiagio – Con.Te.

Dunja Di Biagio
Psicologa, Psicoterapeuta

338.9251643
continua chiara falchetti – 2

Chiara Falchetti
Psicologa, Psicoterapeuta

347.1267846
continua foto DJP

Jacopo Piampiani
Psicologo, Psicoterapeuta, Mediatore familiare

335.7470438
continua Moira

Moira Picchi
Psicologa, Psicoterapeuta

393.5328204

via Alessandro Pieroni 27
57123, Livorno