archivio rss

Articoli correlati

ATTENZIONE! 7 agosto 2017

GENITORI IN AZIONE – Ciclo di incontri per l’infanzia

ATTENZIONE! A partire da Ottobre 2017 la Psicologa e Psicoterapeuta Chiara Falchetti e la...

locandina ACAT Oltre il silenzio3-2 24 febbraio 2017

Oltre il silenzio… L’ascolto – Quando la “dipendenza” provoca dolore

Venerdì 24 febbraio 2017 a Pistoia, l’Associazione LUI è stata invitata a partecipare all’evento: “Oltre...

archivio rss

ci occupiamo di...

In questa sezione troverete solo alcuni dei servizi che lo Studio Con. Te. è in grado di offrire ai suoi utenti e alle sue utenti.

Per qualsiasi informazione o necessità, non indugiate a mettervi in contatto con lo Staff dello Studio, la vostra richiesta sarà trattata con la massima professionalità, tempestività, riservatezza e attenzione.

archivio rss

sempre Con.Te.

#PrimaDellaViolenza 5 ottobre 2016

#PRIMADELLAVIOLENZA: LIVORNO 15/10/2016 – GIORNATA TOSCANA DEGLI UOMINI CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

#PRIMADELLAVIOLENZA: LIVORNO 15/10/2016  GIORNATA TOSCANA DEGLI UOMINI CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE  COMUNICATO STAMPA...

6 settembre 2015

Il maschio selvatico

Il maschio selvatico

Durante questa estate ho letto un libro di cui vorrei provare a scrivere qualcosa: “Il Maschio Selvatico – La forza vitale dell’istinto maschile” di Claudio Risè, edito da San Paolo.

Chi è ? Leonardo da Vinci diceva che “il salvadego è colui che si salva”. Grande conoscitore dell’uomo, della natura e dei boschi, Leonardo pensava che proprio il salvadego, l’uomo che conosceva la natura profonda, fosse il tipo umano capace di “salvarsi”, sia fisicamente che spiritualmente. L’uomo selvatico si segnala inoltre per un altro aspetto, certo sorprendente per la cultura di oggi, dove la salvezza viene sempre richiesta all’esterno, a Stati, ordini professionali, burocrazie, enti, cui si chiede appunto di occuparsi della “salvezza” delle persone, anche entrando in modo molto invadente nella loro vita (famigliare, sessuale, religiosa). Il salvadego, invece, l’uomo selvatico, “si salva” da solo (o almeno cerca di farlo). L’uomo selvatico è anche tante altre cose, è anche l’uomo che vuole essere se stesso, assumendosi ogni responsabilità derivante dal suo essere creatura, di genere maschile.

Sinceramente non mi sono trovato completamente in linea con quanto sostenuto dall’autore, forse non sono ancora del tutto pronto a comprenderne tutte le diverse sfaccettature proposte in questo libro.

Perché allora consigliare questa lettura?

Come direbbe Voltaire: “non credo in ciò che dici ma darei la vita perché tu lo possa esprimere”. Credo sia importante entrare comunque in contatto con idee diverse dalle proprie, al fine di poter ampliare la propria visione e mettere in discussione le propri idee e certezze, valorizzando quindi le differenze. Inoltre mi sento di consigliare tale lettura perché a mio avviso ci sono spunti importanti da cui muoversi per un percorso maschile sul nostro essere maschi nella società d’oggi.

“L’uomo di oggi infatti, il paziente dell’analista, non è solo il suddito, più o meno pacifico, degli stati protagonisti del processo di civilizzazione. L’impiegato dirigente di una multinazionale non è solo quell’uomo, visibile, la cui vita emozionale e corporea si esprime nei confini estremamente compressi delle buone maniere aziendali e familiari. Capire questi uomini significa percepire, in modo arcaico e immediato, i molteplici strati del loro inconscio, personale e collettivo. Significa cogliere e rianimare, nei materiali dell’inconscio che essi portano, tutta un’esperienza maschile che va dall’uomo del paleolitico, alle tribù migranti indoeuropee, al mondo medievale, fino a oggi. Ma ciò è possibile solo attraverso un’immedesimazione totale nell’altro, e in quell’altro inquietante, selvatico “troppo libero” come dice Elias, mondo maschile che è stato appunto invariabilmente rimosso dal trattamento delle buone maniere. Aiutate questi uomini a realizzare pienamente la propria identità maschile significa allora dare voce, attraverso l’espressione dell’inconsio e la sua progressiva integrazione, a tutto questo universo. [...] E ritrovare insieme agli uomini ingessati dalle buone maniere quella forza primigenia che il maschio ha conosciuto nella sua storia, di cui conserva memoria e nostalgia nell’inconscio, e dal cui recupero dipendono la sua vitalità e sopravvivenza”.

Mi trovo molto in linea con quanto sostenuto qui da Risé, anche se credo importante che gli uomini si debbano mettere in discussione per consapevolizzarsi, in tal senso, della loro storia collettive e personale al fine di scegliere consapevolmente su che tipo di uomini vogliano essere oggi, nella nostra società odierna.

JP

RICHIESTA INFORMAZIONI

nome *

cognome *

email *

telefono

messaggio *

Accetto - tutela della privacy

Ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03, la compilazione del modulo costituisce esplicita autorizzazione e consenso alla detenzione e al trattamento dei dati personali, come disposto dal Codice in materia di dati personali. La informiamo inoltre che, relativamente ai dati forniti, potrà esercitare i diritti previsti dall"art. 7 del D.Lgs. 196/03.

i nostri recapiti

contatti telefonici

perchè contattarci

Se avete bisogno di maggiori informazioni in merito ai nostri servizi o ai contenuti pubblicati, se avete perplessità, se pensate che potremmo aiutarvi in qualche modo ma non avete idea di quale possa essere il servizio che potrebbe essere più adatto al caso vostro, potete contattare lo staff di Con.Te. alla mail scrivi@studiocon-te.it. Vi risponderemo entro 48 h.

In alternativa, potete contattare il singolo professionista sia via mail che telefonicamente.

continua Dunja Dibiagio – Con.Te.

Dunja Di Biagio
Psicologa, Psicoterapeuta

338.9251643
continua chiara falchetti – 2

Chiara Falchetti
Psicologa, Psicoterapeuta

347.1267846
continua foto DJP

Jacopo Piampiani
Psicologo, Psicoterapeuta, Mediatore familiare

335.7470438
continua Moira

Moira Picchi
Psicologa, Psicoterapeuta

393.5328204

via Alessandro Pieroni 27
57123, Livorno