archivio rss

Articoli correlati

#PrimaDellaViolenza 5 ottobre 2016

#PRIMADELLAVIOLENZA: LIVORNO 15/10/2016 – GIORNATA TOSCANA DEGLI UOMINI CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

#PRIMADELLAVIOLENZA: LIVORNO 15/10/2016  GIORNATA TOSCANA DEGLI UOMINI CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE  COMUNICATO STAMPA...

Attenzone! 5 maggio 2016

Quando rivolgersi al logopedista?

Non è mai “troppo” tardi ma neanche “troppo” presto Lo sviluppo tipico del linguaggio...

archivio rss

ci occupiamo di...

In questa sezione troverete solo alcuni dei servizi che lo Studio Con. Te. è in grado di offrire ai suoi utenti e alle sue utenti.

Per qualsiasi informazione o necessità, non indugiate a mettervi in contatto con lo Staff dello Studio, la vostra richiesta sarà trattata con la massima professionalità, tempestività, riservatezza e attenzione.

archivio rss

ti consigliamo

locandina ACAT Oltre il silenzio3-2 24 febbraio 2017

Oltre il silenzio… L’ascolto – Quando la “dipendenza” provoca dolore

Venerdì 24 febbraio 2017 a Pistoia, l’Associazione LUI è stata invitata a partecipare all’evento: “Oltre...

17 aprile 2013

Chi cura chi?

coppia6

Si sente talvolta parlare di caregiving. Parola che deriva dal verbo inglese to care e che può essere tradotta con “ di qualcuno”, termine in cui c’è una connotazione di accudimento, ma anche di protezione ed affetto. Il verbo indica quindi una componente affettiva di impegno per il benessere della persona.

Quante persone sono quotidianamente impegnate nell’assistenza, nel prendersi di un parente, un congiunto, un individuo in stato di necessità o affetto da una malattia invalidante (si pensi ad esempio alla demenza di Alzheimer, ad una invalidità fisica ecc)? Le patologie croniche implicano una forte dipendenza del soggetto in stato di necessità da coloro che se ne occupano.

Il caregiver (colui che presta la cura) è spesso definito come la seconda vittima della malattia. Tale affermazione ben evidenzia il grado di a cui può esser sottoposta tale figura. La presenza, nella famiglia, di un paziente affetto da grave , causa spesso importanti cambiamenti nelle relazioni e nelle dinamiche familiari. Come ricordano e (2006), alcune possono essere: modificazioni della routine familiare, modificazione della qualità delle relazioni familiari, modificazione delle relazioni sociali, riduzione del tempo libero e dei tempi di riposo, difficoltà lavorative e finanziarie, conflitti intrafamiliari.

Non di minore importanza possono essere le reazioni  più prettamente emotive da parte del caregiver. Frequenti sono i vissuti di depressione e angoscia, lo sperimentare un senso di impotenza e inadeguatezza, il senso di colpa, la rabbia, la solitudine, la stanchezza fisica e psichica.

Considerato che è bene operare in senso preventivo, alcune buone pratiche che possono essere consigliate alle persone che si trovano a svolgere il ruolo di caregiver, possono essere le seguenti: essere bene e continuamente informati da parte dei medici sulla patologia che l’assistito ha, saper chiedere (alla famiglia, agli amici, ai servizi, ad un professionista ), pensare anche a sé stessi (ricavando degli spazi liberi in cui ricaricarsi e ritrovare benessere), accettare il ritmo dei cambiamenti, evitare l’.

Perché se talvolta curare diventa un “dovere”, curarsi e salvaguardare la propria è un diritto!

Bibliografia:

Rovetto, F., Moderato, P. (a cura di) (2006). Progetti di intervento psicologico. Ed. McGraw Hill

RICHIESTA INFORMAZIONI

nome *

cognome *

email *

telefono

messaggio *

Accetto - tutela della privacy

Ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03, la compilazione del modulo costituisce esplicita autorizzazione e consenso alla detenzione e al trattamento dei dati personali, come disposto dal Codice in materia di dati personali. La informiamo inoltre che, relativamente ai dati forniti, potrà esercitare i diritti previsti dall"art. 7 del D.Lgs. 196/03.

i nostri recapiti

contatti telefonici

perchè contattarci

Se avete bisogno di maggiori informazioni in merito ai nostri servizi o ai contenuti pubblicati, se avete perplessità, se pensate che potremmo aiutarvi in qualche modo ma non avete idea di quale possa essere il servizio che potrebbe essere più adatto al caso vostro, potete contattare lo staff di Con.Te. alla mail scrivi@studiocon-te.it. Vi risponderemo entro 48 h.

In alternativa, potete contattare il singolo professionista sia via mail che telefonicamente.

continua Dunja Dibiagio – Con.Te.

Dunja Di Biagio
Psicologa, Psicoterapeuta

338.9251643
continua chiara falchetti – 2

Chiara Falchetti
Psicologa, Psicoterapeuta

347.1267846
continua foto DJP

Jacopo Piampiani
Psicologo, Psicoterapeuta, Mediatore familiare

335.7470438
continua Moira

Moira Picchi
Psicologa, Psicoterapeuta

393.5328204

via Alessandro Pieroni 27
57123, Livorno