archivio rss

Articoli correlati

#PrimaDellaViolenza 5 ottobre 2016

#PRIMADELLAVIOLENZA: LIVORNO 15/10/2016 – GIORNATA TOSCANA DEGLI UOMINI CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

#PRIMADELLAVIOLENZA: LIVORNO 15/10/2016  GIORNATA TOSCANA DEGLI UOMINI CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE  COMUNICATO STAMPA...

Attenzone! 5 maggio 2016

Quando rivolgersi al logopedista?

Non è mai “troppo” tardi ma neanche “troppo” presto Lo sviluppo tipico del linguaggio...

archivio rss

ci occupiamo di...

In questa sezione troverete solo alcuni dei servizi che lo Studio Con. Te. è in grado di offrire ai suoi utenti e alle sue utenti.

Per qualsiasi informazione o necessità, non indugiate a mettervi in contatto con lo Staff dello Studio, la vostra richiesta sarà trattata con la massima professionalità, tempestività, riservatezza e attenzione.

archivio rss

ti consigliamo

locandina ACAT Oltre il silenzio3-2 24 febbraio 2017

Oltre il silenzio… L’ascolto – Quando la “dipendenza” provoca dolore

Venerdì 24 febbraio 2017 a Pistoia, l’Associazione LUI è stata invitata a partecipare all’evento: “Oltre...

28 gennaio 2013

Vado dallo psicologo e… Udite, udite: non sono matto!!!!

the_doctor_is_in

LUOGHI COMUNI E CREDENZE LEGATI ALL’ANDARE DALLO

1) SE VADO DALLO PSICOLOGO SONO “ANORMALE” O

In realtà un’altissima percentuale di persone (cioè la maggioranza) che si rivolgono ad uno psicologo non presentano relative a quadri psicopatologici o psichiatrici, la richiesta di è spesso legata ad un momento di difficoltà che la sta affrontando (la fine di un matrimonio, una difficoltà lavorativa, un momento di empasse, preoccupazioni per i , stress, un lutto, una richiesta dall’avvocato o da un medico…) e, sentendo il rischio di potercela non fare da sola, ecco che pensa di rivolgersi ad un professionista.

2) CE LA FACCIO DA SOLO!

Sicuramente il pensare di non aver bisogno dell’aiuto di qualcuno ci aiuta mentalmente a porci nell’ottica che “è meno grave di quanto pensi”… In realtà chiedere aiuto è un atto di forza piuttosto che di debolezza: ognuno di noi ha delle risorse interne, dunque lo psicologo può essere visto come una sorta di “catalizzatore” di tali risorse. Se ho la possibilità di ottimizzare le mie energie, di far emergere le mie risorse (che magari neppure pensavo di avere), di raggiungere uno stato di grazie a un professionista che è un esperto e che ha un punto di vista esterno (e che dunque può gettare una luce nuova su aspetti che fino ad oggi ho sempre letto con la stessa lente)… Perché no?!

3) VADO A FARE DUE CHIACCHERE PER SFOGARMI…

Lo psicologo non è un amico. Oggi un po’ tutti si professano psicologi (quante volte si sente la frase “Beh, anche io sono un po’ psicologo”), rischiando di svuotare di significato quella che è una professione incentrata sulla relazione d’aiuto. Il setting è per questo un aspetto centrale che, seppur partendo da aspetti molto concreti, si colloca all’interno di una cornice relazionale che è la “mappa” entro la quale paziente ed esperto si muovono sin dal primo incontro.

4) VADO A FARMI ANALIZZARE…

L’analisi, o meglio, la psicoanalisi, è una prassi psicoterapeutica. Spesso viene fatto il parallelismo psicoanalisi=, ma in pochi sanno forse che la presenta moltissimi approcci, uno dei quali è il sistemico-relazionale (v. articolo). Tutt’ora nell’immaginario collettivo ci sono molti luoghi comuni legati alla figura dello psicologo/psicoterapeuta: chi di noi non pensa immediatamente al lettino di Freud?! (Immagine che tra l’altro abbiamo utilizzato all’interno del nostro sito proprio in chiave ironica per introdurre alla ). Ma la è anche altro.

5) HO BISOGNO DI UN CONSIGLIO…

Lo psicologo non da’ . E’ colui con il quale si inizia un percorso finalizzato al mettere in discussione un pensiero di tipo circolare (che rischia di farci sentire “paralizzati” in una data situazione e che frequentemente si attiva in situazioni di disagio) e all’attivare e (ri)scoprire risorse interiori, per capire come utilizzarle al meglio.

6) MAGARI MI AIUTA CON QUALCHE FARMACO…

Lo psicologo e/o lo psicoterapeuta (a meno che quest’ultimo non sia medico con doppia specializzazione) non prescrivono farmaci. E’ questo invece compito dello (che, se ha doppia specializzazione, può essere invece anche psicoterapeuta).  Può succedere che lo psicologo o lo psicoterapeuta, valutando la necessità di un supporto farmacologico per il paziente, dopo averne parlato con quest’ultimo, inviino il paziente da uno .

 

RICHIESTA INFORMAZIONI

nome *

cognome *

email *

telefono

messaggio *

Accetto - tutela della privacy

Ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03, la compilazione del modulo costituisce esplicita autorizzazione e consenso alla detenzione e al trattamento dei dati personali, come disposto dal Codice in materia di dati personali. La informiamo inoltre che, relativamente ai dati forniti, potrà esercitare i diritti previsti dall"art. 7 del D.Lgs. 196/03.

i nostri recapiti

contatti telefonici

perchè contattarci

Se avete bisogno di maggiori informazioni in merito ai nostri servizi o ai contenuti pubblicati, se avete perplessità, se pensate che potremmo aiutarvi in qualche modo ma non avete idea di quale possa essere il servizio che potrebbe essere più adatto al caso vostro, potete contattare lo staff di Con.Te. alla mail scrivi@studiocon-te.it. Vi risponderemo entro 48 h.

In alternativa, potete contattare il singolo professionista sia via mail che telefonicamente.

continua Dunja Dibiagio – Con.Te.

Dunja Di Biagio
Psicologa, Psicoterapeuta

338.9251643
continua chiara falchetti – 2

Chiara Falchetti
Psicologa, Psicoterapeuta

347.1267846
continua foto DJP

Jacopo Piampiani
Psicologo, Psicoterapeuta, Mediatore familiare

335.7470438
continua Moira

Moira Picchi
Psicologa, Psicoterapeuta

393.5328204

via Alessandro Pieroni 27
57123, Livorno