archivio rss

Articoli correlati

#PrimaDellaViolenza 5 ottobre 2016

#PRIMADELLAVIOLENZA: LIVORNO 15/10/2016 – GIORNATA TOSCANA DEGLI UOMINI CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

#PRIMADELLAVIOLENZA: LIVORNO 15/10/2016  GIORNATA TOSCANA DEGLI UOMINI CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE  COMUNICATO STAMPA...

Attenzone! 5 maggio 2016

Quando rivolgersi al logopedista?

Non è mai “troppo” tardi ma neanche “troppo” presto Lo sviluppo tipico del linguaggio...

archivio rss

ci occupiamo di...

In questa sezione troverete solo alcuni dei servizi che lo Studio Con. Te. è in grado di offrire ai suoi utenti e alle sue utenti.

Per qualsiasi informazione o necessità, non indugiate a mettervi in contatto con lo Staff dello Studio, la vostra richiesta sarà trattata con la massima professionalità, tempestività, riservatezza e attenzione.

archivio rss

ti consigliamo

locandina ACAT Oltre il silenzio3-2 24 febbraio 2017

Oltre il silenzio… L’ascolto – Quando la “dipendenza” provoca dolore

Venerdì 24 febbraio 2017 a Pistoia, l’Associazione LUI è stata invitata a partecipare all’evento: “Oltre...

11 aprile 2013

Bamboccioni

bamboccione1

Oggi parliamo di !

Termine “sdoganato” dall’economista , diversi anni fa, per definire quell’insieme di giovani adulti, adulte, che non avevano ancora finito gli studi o, avendoli conclusi, si facevano, o per meglio di dire si fanno, ancora mantenere dai genitori.

Stiamo quindi parlando di giovani, maschi e femmine non ancora impegnati in un processo di differenziazione che viene a svolgersi in una situazione di distacco anche fisico dalla d’origine.

Vi è una seconda prospettiva che definisce questo delicato passaggio dei bamboccioni, ad adulti, in cui si evidenzia il ruolo attivo che gioca anche la famiglia di origine affinché la propria prole riesca a uscire di casa, sintetizzabile con l’espressione (launching children)” in cui è la famiglia tutta a collaborare al “lancio” del, della giovane, rispondendo come gruppo ai compiti di che l’uscita di casa dell’ultima generazione comporta.

Il lancio evoca l’idea di un passaggio rapido da una condizione a un’altra; al contrario, assistiamo a una decelerazione del cammino, il “lancio è al rallentatore”, il salto oggi si è trasformato in una transizione prolungata portando a definire la famiglia, in questo momento del suo ciclo, come la del , o della giovane-adulta (Scabini e Donati, 1989).

Modello di transizione affermato soprattutto nei paesi del Mediterraneo, Italia, Spagna e Grecia, anche se si sta diffondendo anche in altre parti del mondo. In America è stato mutuato il termine “bamboccions” dall’italiano per identificare il medesimo fenomeno.

Il termine giovane-adulto, è un ossimoro, un’espressione che contiene aspetti discordanti: adolescente/giovane, da una parte un essere in fase di crescita che non ha ancora raggiunto il suo stato definitivo, e dall’altra quella di adulto, di colui che è già stato nutrito e ha raggiunto il suo sviluppo completo.

Non si tratta di un’estensione dell’adolescenza né della prima fase dell’età adulta, quanto di un tempo della vita che ha la sua specificità nell’essere un ponte, un passaggio, tra due condizioni.

Il passaggio all’età adulta, nella società odierna, ha subito una tale decelerazione temporale da configurarsi come uno stadio. Oggi siamo in una situazione diversa rispetto ad un recente passato, nel quale la transizione era segnata da alcuni indicatori precisi (termine degli studi, inserimento nel mondo del lavoro e formazione di una famiglia) che apparivano in successione e secondo uno scadenzario sociale ben definito. Oggi questi marcatori perdono il loro carattere a fronte di un percorso di vita più improntato alla possibilità di ripensamento delle scelte a livello personale e professionale, il passaggio allo stato adulto si sta frammentando.

Le cause sono molteplici, solo per citarne alcune:

• dilatazione dell’iter formativo del giovane-adulto, della giovane-adulta;

• precarietà professionale ed economica;

• difficoltà di reperire alloggi a condizioni accessibili;

• insufficiente mobilità del mercato del lavoro;

• politica del lavoro che non garantisce pari opportunità a svantaggio delle generazioni più giovani;

• compresenza di due generazioni adulte caratterizzate da scarsa conflittualità e ampi margini di libertà;

• i giovani-adulti, le giovani-adulte possono avventurarsi a esplorare il mondo senza dover rendere conto più di tanto;

• i genitori sono sollevati dalle responsabilità educative rispetto al passato.

L’”uscita dalla casa parentale”, si configura come l’evento-obiettivo che domina questa fase, segno del passaggio allo status adulto/adulta, che ha assunto la caratteristica di un evento lontano, allontanato.

Vi è un particolare incastro di bisogni che dà ambigua stabilità a questa fase sia per il giovane-adulto che per la famiglia lunga.

Lo slogan per definire tale incastro potrebbe essere rappresentato dal titolo della canzone di : .

La condizione del giovane-adulto/adulta si costruisce dentro le mura domestiche, in una zona franca di autonomia e di privato a partire dalla quale fare esperienza controllata del mondo adulto. E’ l’attività lavorativa la principale preoccupazione per il giovane, per la giovane; mettere su famiglia non è un obiettivo previsto nel breve periodo, ci si vuole garantire un’ulteriore margine e spazio di prova, un tempo di preparazione e addestramento all’impegno definitivo.

Forever young, sogno che seduce anche i genitori, che oltre che apprezzare l’aspetto di tregua relazionale che connota questa fase, si trovano a goderne di riflesso gli effetti illudendosi, a loro volta, di poter essere “eternamente genitori di un giovane”.

I genitori s’identificano con i loro poiché questi godono di una condizione di vita che essi non hanno potuto avere pur desiderandola. Inoltre i genitori comportandosi secondo modalità di dialogo comprensivo, realizzano un ideale di relazione genitori- che era loro precluso quando erano .

Essi sono i loro figli giovani-adulti (il loro desiderio) e contemporaneamente sono i genitori che avrebbero voluto avere e che non hanno potuto avere (il loro bisogno). Ciò che viene soddisfatto, è il proprio ideale circa il rapporto genitori-figli.

Chi avverte il pericolo della stagnazione è il bamboccione, il giovane-adulto, che percepisce nei genitori bisogni insistenti di protezione eccessive attenzioni nel prevedere e tamponare possibili rischi. Viene così meno la spinta che dà la mancanza all’uscita di casa.

Il compito di sviluppo familiare è e rimane quello che i figli raggiungano la piena responsabilità adulta e che vengano autorizzati e spinti verso questo obiettivo dai genitori, affinché questi possano vivere la fase successiva, comunemente conosciuta e definita come “l’esperienza del nido vuoto”.

JP

Bibliografia

Scabini E., Donati P. (1989) Vivere da adulti con genitori anziani. Studi interdisciplinari sulla famiglia, II Milano: Vita e pensiero

Scabini E. (2002) Psicologia sociale della famiglia. Sviluppo dei legami e trasformazioni sociali. Bollati Boringhieri

RICHIESTA INFORMAZIONI

nome *

cognome *

email *

telefono

messaggio *

Accetto - tutela della privacy

Ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03, la compilazione del modulo costituisce esplicita autorizzazione e consenso alla detenzione e al trattamento dei dati personali, come disposto dal Codice in materia di dati personali. La informiamo inoltre che, relativamente ai dati forniti, potrà esercitare i diritti previsti dall"art. 7 del D.Lgs. 196/03.

i nostri recapiti

contatti telefonici

perchè contattarci

Se avete bisogno di maggiori informazioni in merito ai nostri servizi o ai contenuti pubblicati, se avete perplessità, se pensate che potremmo aiutarvi in qualche modo ma non avete idea di quale possa essere il servizio che potrebbe essere più adatto al caso vostro, potete contattare lo staff di Con.Te. alla mail scrivi@studiocon-te.it. Vi risponderemo entro 48 h.

In alternativa, potete contattare il singolo professionista sia via mail che telefonicamente.

continua Dunja Dibiagio – Con.Te.

Dunja Di Biagio
Psicologa, Psicoterapeuta

338.9251643
continua chiara falchetti – 2

Chiara Falchetti
Psicologa, Psicoterapeuta

347.1267846
continua foto DJP

Jacopo Piampiani
Psicologo, Psicoterapeuta, Mediatore familiare

335.7470438
continua Moira

Moira Picchi
Psicologa, Psicoterapeuta

393.5328204

via Alessandro Pieroni 27
57123, Livorno