archivio rss

Articoli correlati

#PrimaDellaViolenza 5 ottobre 2016

#PRIMADELLAVIOLENZA: LIVORNO 15/10/2016 – GIORNATA TOSCANA DEGLI UOMINI CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

#PRIMADELLAVIOLENZA: LIVORNO 15/10/2016  GIORNATA TOSCANA DEGLI UOMINI CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE  COMUNICATO STAMPA...

Attenzone! 5 maggio 2016

Quando rivolgersi al logopedista?

Non è mai “troppo” tardi ma neanche “troppo” presto Lo sviluppo tipico del linguaggio...

archivio rss

ci occupiamo di...

In questa sezione troverete solo alcuni dei servizi che lo Studio Con. Te. è in grado di offrire ai suoi utenti e alle sue utenti.

Per qualsiasi informazione o necessità, non indugiate a mettervi in contatto con lo Staff dello Studio, la vostra richiesta sarà trattata con la massima professionalità, tempestività, riservatezza e attenzione.

archivio rss

ti consigliamo

ATTENZIONE! 7 agosto 2017

GENITORI IN AZIONE – Ciclo di incontri per l’infanzia

ATTENZIONE! A partire da Ottobre 2017 la Psicologa e Psicoterapeuta Chiara Falchetti e la...

5 agosto 2013

Anoressia e terapia familiare

foto botero

L’ nervosa è una malattia ben conosciuta ormai nella società odierna, ma ben pochi probabilmente sanno, se non gli “addetti al settore”, che è una delle patologie adolescenziali più curate dai terapisti familiari.

In Italia tra i primi a studiare i fu infatti la psichiatra e psicoterapeuta , la quale dedicò la maggior parte della sua vita professionale alla cura delle ragazze anoressiche. Iniziò i suoi studi nel 1950 e nel 1963 pubblicò L’anoressia , che la rese famosa a livello internazionale.

La terapeuta parla di un “gioco familiare” caratterizzato da strategie basate sul sintomo (anoressia) e da un potere che il sintomo stesso conferisce alla figlia/figlio nel controllare i . Col tempo ogni membro della può escogitare strategie per se stesso, basate sull’idea che il sintomo persisterà.

, uno dei padri della terapia famigliare, parla di “famiglia anoressica”, una terminologia che ci sottolinea ed evidenzia come la famiglia sia al centro dell’attenzione e il/la designato/a sia il/la portatore/portatrice di un sintomo di un sistema in realtà molto più complesso.

E’ infatti riduttivo pensare all’anoressia come ad una patologia legata esclusivamente all’immagine che la società odierna rimanda attraverso i mass-media: veline, miss, tronisti, top-model, riviste con diete che promettono miracoli in poco tempo a regimi alimentari assurdi… Tutto questo non è certo positivo ma è un po’ la punta dell’iceberg, la ragazza o il ragazzo che sviluppano un sintomo di questo tipo canalizzano il loro disagio sul corpo ma è “solo”, appunto, un sintomo di un disagio molto più complesso che con la fisicità ha poco a che fare.

Per leggere il sintomo all’interno di un contesto familiare, è necessario pertanto analizzare i “modelli di interazione familiare”.

In questo contesto diventa importante osservare e valutare cioè le relazioni che intercorrono nella famiglia, il panorama trigenerazionale, le linee generazionali, i triangoli all’interno della famiglia e i miti che percorrono le famiglie delle anoressiche.

La famiglia diventa dunque la matrice dell’identità, il luogo dove viene definito il proprio sé.

Attraverso il cambiamento di alcune dinamiche familiari, che possano portare non solo il paziente ma la famiglia stessa a “funzionare” diversamente, si può avere un miglioramento del sintomo, fino alla sua scomparsa. Il sintomo, secondo l’approccio sistemico-relazionale, non va infatti “soffocato” bensì ascoltato e compreso, una funzione c’è sempre e capirlo è un primo passo verso un processo di cambiamento stabile e duraturo.

L’intervento con la famiglia è quello che si è dimostrato più efficace in caso di anoressia anche se in alcuni casi (e quando viene valutato dal terapeuta in ogni singolo caso) l’efficacia maggiore, pensando in termini di follow-up, si ha quando vi è un percorso parallelo individuale.

Fondamentale dal nostro punto di vista è dunque il lavoro in rete: è infatti necessaria un’equipe multidisciplinare che prenda in carico il/la paziente.

La è un luogo in cui poter comunicare, dove è possibile confrontarsi, ascoltarsi, comprendersi. E’ uno spazio e un tempo dove gettare le basi per una nuova narrazione della propria storia familiare. Anche i familiari dei pazienti, in particolare i genitori, hanno bisogno di un luogo dove sentirsi accolti e compresi, senza colpevolizzazioni.

Il decidere di intraprendere un percorso familiare può essere l’inizio di un importante cammino verso il cambiamento.

 

Dott.ssa Moira Picchi

RICHIESTA INFORMAZIONI

nome *

cognome *

email *

telefono

messaggio *

Accetto - tutela della privacy

Ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03, la compilazione del modulo costituisce esplicita autorizzazione e consenso alla detenzione e al trattamento dei dati personali, come disposto dal Codice in materia di dati personali. La informiamo inoltre che, relativamente ai dati forniti, potrà esercitare i diritti previsti dall"art. 7 del D.Lgs. 196/03.

i nostri recapiti

contatti telefonici

perchè contattarci

Se avete bisogno di maggiori informazioni in merito ai nostri servizi o ai contenuti pubblicati, se avete perplessità, se pensate che potremmo aiutarvi in qualche modo ma non avete idea di quale possa essere il servizio che potrebbe essere più adatto al caso vostro, potete contattare lo staff di Con.Te. alla mail scrivi@studiocon-te.it. Vi risponderemo entro 48 h.

In alternativa, potete contattare il singolo professionista sia via mail che telefonicamente.

continua Dunja Dibiagio – Con.Te.

Dunja Di Biagio
Psicologa, Psicoterapeuta

338.9251643
continua chiara falchetti – 2

Chiara Falchetti
Psicologa, Psicoterapeuta

347.1267846
continua foto DJP

Jacopo Piampiani
Psicologo, Psicoterapeuta, Mediatore familiare

335.7470438
continua Moira

Moira Picchi
Psicologa, Psicoterapeuta

393.5328204

via Alessandro Pieroni 27
57123, Livorno