archivio rss

Articoli correlati

#PrimaDellaViolenza 5 ottobre 2016

#PRIMADELLAVIOLENZA: LIVORNO 15/10/2016 – GIORNATA TOSCANA DEGLI UOMINI CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

#PRIMADELLAVIOLENZA: LIVORNO 15/10/2016  GIORNATA TOSCANA DEGLI UOMINI CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE  COMUNICATO STAMPA...

Attenzone! 5 maggio 2016

Quando rivolgersi al logopedista?

Non è mai “troppo” tardi ma neanche “troppo” presto Lo sviluppo tipico del linguaggio...

archivio rss

ci occupiamo di...

In questa sezione troverete solo alcuni dei servizi che lo Studio Con. Te. è in grado di offrire ai suoi utenti e alle sue utenti.

Per qualsiasi informazione o necessità, non indugiate a mettervi in contatto con lo Staff dello Studio, la vostra richiesta sarà trattata con la massima professionalità, tempestività, riservatezza e attenzione.

archivio rss

ti consigliamo

ATTENZIONE! 7 agosto 2017

GENITORI IN AZIONE – Ciclo di incontri per l’infanzia

ATTENZIONE! A partire da Ottobre 2017 la Psicologa e Psicoterapeuta Chiara Falchetti e la...

28 giugno 2014

La ricerca della propria felicità

Felicità

“Quello che è successo non è colpa tua ma è colpa tua non fare niente per cambiare le cose…”. Ho sentito pronunciare questa frase dalla responsabile del della città di Boston in America, un viaggio indimenticabile che ricorderò proprio grazie a questa semplice frase, una frase che rappresenta anche lo spirito americano del: “Yes, you can” di Obama. Una semplice ma potente frase in grado di spiegare ciò che in viene definito “empowerment”.

Questo articolo non vuole essere uno scritto partitico o di propaganda americana ma vuole essere un spunto di vita vissuta per introdurre quello di cui vorrei parlare oggi, la ricerca della propria felicità.

Tante volte ci capita, a chi più a chi meno, di lamentarci: “non ci riuscirò mai…”, “non sono fare nulla…”, “nessuno mi vuole…”, “faccio schifo…”, ecc. ecc.. Si sta male, si soffre: “nessuno mi può capire…”, “non ce la farò mai…”, “fallirò…”. I momenti bui capitano a tutti e a tutte e alle volte durano per un tempo che ci pare infinito e alle volte lo è veramente.

In questi momenti cosa si può fare? Cosa ci rimane quando tutto sembra crollarci addosso, quando tutto sembra essere spazzato via da qualcun* (l’asterisco non è casuale ma dettato dalla grammatica di genere, la parola asteriscata si legge al maschile e al femminile) o da qualcosa? Cosa fare quando ci troviamo soli?

Possiamo fare solo una cosa, lavorare sull’unica risorsa che abbiamo disponibile, noi stessi! Possiamo contare solo su di noi e iniziare a domandarci cosa abbiamo fatto per commettere lo stesso errore che c’eravamo promessi di non commettere più.

Quello che possiamo fare è quindi cercare d’intraprendere un processo di crescita, doloroso ma necessario se vogliamo crescere realmente e smettere una volta per tutte di soffrire.

Più facile a dirsi che a farsi, non vi è dubbio ma se vogliamo qualcosa, se desideriamo, se sogniamo qualcosa: “non permettere mai a nessuno di dire che non sai fare qualcosa se hai un sogno lo devi proteggere, quando le persone non sanno fare qualcosa lo dicono a te che non la sai fare. Se vuoi qualcosa vai e prendila” (tratto dal film: la ricerca della felicità).

Iniziamo a crederci noi per primi perché se non lo facciamo non ci sarà nessuno che ci crederà per noi. Iniziamo a costruire il nostro destino, iniziamo a credere in noi stessi, nell’autoefficacia e nell’autodeterminazione per far emergere risorse latenti e portare la nostra ad appropriarsi consapevolmente del proprio potenziale. In una parola: !

Ci sono cose che ci possono capitare che possono segnare profondamente la nostra esistenza, come ad esempio una violenza di qualsiasi tipo ma questo non deve permetterci di fermarci dal voler raggiungere la nostra felicità. Mi rendo conto che le mie sono “parole” e per molt* di noi contano i fatti ma non vi è dubbio alcuno sul fatto che se vogliamo realmente qualcosa che non riusciamo a ottenere, dobbiamo realmente cambiare qualcosa in ciò che facciamo e in come lo facciamo per cambiare il risultato. Un esempio pratico? Pensiamo a quando andiamo in palestra… Perché ci andiamo? Un motivo potrebbe essere il desiderio di aumentare i propri muscoli… Se siamo abituati a tirare su un manubrio da 5 kg senza sforzo, sarà poco probabile che riusciremo ad aumentare i propri muscoli tirando su sempre lo stesso peso… Dobbiamo sforzarci a iniziare a tirare su un peso superiore. Questo sforzo ci porterà, forse, se saremo costanti, ad aumentare i nostri muscoli.

Quello di cui vi sto scrivendo non è certo un percorso in discesa ma un percorso comunque percorribile e la mia esperienza m’insegna che forse è anche l’unico percorso da intraprendere se veramente desideriamo cambiare le cose e vogliamo realmente stare meglio. Mi rendo conto che il cambiamento spaventa ma se non siete in grado di intraprenderlo da sol* potete rivolgervi a un personal trainer”, un professionista, una professionista che possono stare al vostro fianco, con la loro esperienza allenarvi a ottenere il vostro miglior risultato possibile.

Quindi? “Quello che è successo non è colpa tua ma è colpa tua non fare niente per cambiare le cose…”.

JP

 

RICHIESTA INFORMAZIONI

nome *

cognome *

email *

telefono

messaggio *

Accetto - tutela della privacy

Ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03, la compilazione del modulo costituisce esplicita autorizzazione e consenso alla detenzione e al trattamento dei dati personali, come disposto dal Codice in materia di dati personali. La informiamo inoltre che, relativamente ai dati forniti, potrà esercitare i diritti previsti dall"art. 7 del D.Lgs. 196/03.

i nostri recapiti

contatti telefonici

perchè contattarci

Se avete bisogno di maggiori informazioni in merito ai nostri servizi o ai contenuti pubblicati, se avete perplessità, se pensate che potremmo aiutarvi in qualche modo ma non avete idea di quale possa essere il servizio che potrebbe essere più adatto al caso vostro, potete contattare lo staff di Con.Te. alla mail scrivi@studiocon-te.it. Vi risponderemo entro 48 h.

In alternativa, potete contattare il singolo professionista sia via mail che telefonicamente.

continua Dunja Dibiagio – Con.Te.

Dunja Di Biagio
Psicologa, Psicoterapeuta

338.9251643
continua chiara falchetti – 2

Chiara Falchetti
Psicologa, Psicoterapeuta

347.1267846
continua foto DJP

Jacopo Piampiani
Psicologo, Psicoterapeuta, Mediatore familiare

335.7470438
continua Moira

Moira Picchi
Psicologa, Psicoterapeuta

393.5328204

via Alessandro Pieroni 27
57123, Livorno