archivio rss

Articoli correlati

#PrimaDellaViolenza 5 ottobre 2016

#PRIMADELLAVIOLENZA: LIVORNO 15/10/2016 – GIORNATA TOSCANA DEGLI UOMINI CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

#PRIMADELLAVIOLENZA: LIVORNO 15/10/2016  GIORNATA TOSCANA DEGLI UOMINI CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE  COMUNICATO STAMPA...

Attenzone! 5 maggio 2016

Quando rivolgersi al logopedista?

Non è mai “troppo” tardi ma neanche “troppo” presto Lo sviluppo tipico del linguaggio...

archivio rss

ci occupiamo di...

In questa sezione troverete solo alcuni dei servizi che lo Studio Con. Te. è in grado di offrire ai suoi utenti e alle sue utenti.

Per qualsiasi informazione o necessità, non indugiate a mettervi in contatto con lo Staff dello Studio, la vostra richiesta sarà trattata con la massima professionalità, tempestività, riservatezza e attenzione.

archivio rss

ti consigliamo

ATTENZIONE! 7 agosto 2017

GENITORI IN AZIONE – Ciclo di incontri per l’infanzia

ATTENZIONE! A partire da Ottobre 2017 la Psicologa e Psicoterapeuta Chiara Falchetti e la...

17 ottobre 2014

Quando la famiglia incontra il lutto

pioggia arcob

Il termine “morte” è di uso comune e si cresce con l’idea che è un qualcosa che fa parte della , tant’è che intorno ad essa sono nati modi di dire anche ironici (basti pensare a “Nella non c’è niente di certo, se non la morte!” ), quasi come a esorcizzare il fenomeno.

Nonostante questa “abitudine” a sentir parlare di morte, quando avviene un lutto le reazioni emotive di ognuno di noi possono essere svariate e non sempre è semplice affrontarlo, soprattutto se il lutto coinvolge una persona particolarmente significativa per noi.

 

, dopo la morte di una persona cara, deve far fronte non solo alla perdita stessa, ma anche ai cambiamenti individuali generati nei singoli membri (non si è più madri/padri di…, ma si diventa l’essere stata madre/padre di…, oppure l’essere stata figlia/o o moglie/marito di…).

Ciascuno nella sua reazione all’evento luttuoso si ri-organizza sia in funzione delle risorse del familiare, sia in base alle risorse e alle necessità individuali.

Gli effetti trasformativi di questo nuovo assetto non sono immediatamente chiari al resto della famiglia, che a livello gruppale ha perso il proprio equilibrio.

 

Il lutto, quando viene elaborato, innesca un processo di differenziazione, ovvero la capacità di andare avanti nel proprio percorso di vita, mantenendo il ricordo della persona scomparsa.

Diversamente, la perdita non vissuta emotivamente, quindi non elaborata, può condurre a un arresto nell’evoluzione del .

Nel tentativo di controllare e negare l’angoscia della morte, il familiare mette in atto una dinamica all’interno della quale il cambiamento, la crescita e quindi la trasformazione vengono negati e ostacolati nell’illusione di fermare il tempo.

L’evento luttuoso vissuto e affrontato, nella sua dimensione della rabbia prima, del poi e della graduale differenziazione, consente il riattivarsi delle risorse della famiglia.

Se il lutto di una persona cara viene elaborato, consente, a un certo punto della vita dei sopravvissuti, di riprendere la propria dimensione evolutiva, evitando il blocco del tempo alla fase precedente alla scomparsa del congiunto.

Il terapeuta quindi deve supportare e sostenere la famiglia nelle sue fasi del lutto che «vanno rispettate senza correre», come sostiene Maurizio Andolfi (psicoterapeuta familiare).

 

Riporto una frase significativa di Maria Luisa Campobasso (psicoterapeuta familiare), la quale afferma: «In ogni si concretizza una morte. Separarsi da una persona o da una situazione comporta comunque una ridefinizione della propria esistenza e del proprio modo di continuare ad essere».

 

La fine di una relazione influenza la crescita successiva, sia dell’individuo che del sistema relazionale coinvolto.

Quello che viene richiesto è gestire la propria esistenza affrontando il dolore della separazione, evitando il blocco a una determinata fase evolutiva, quella in cui si è verificata la perdita stessa.

 

Bibliografia:

 

◦ Bowen M., “Dalla famiglia all’individuo. La differenziazione del sé nel sistema familiare”, Astrolabio, Roma, 1980

◦ Scabini E., “L’organizzazione famiglia tra e sviluppo”, Franco Angeli, Milano, 1998

◦ Andolfi M., La famiglia di fronte alla morte traumatica di un figlio adolescente: cosa fare in ?, “Le perdite e le risorse della famiglia”, Convegno di studio del 3/4 maggio 2002, organizzato dall’Accademia di della Famiglia

◦ Cardinali F., Il vivere e il morire. Incontri e domande nell’esperienza di uno psicoterapeuta, in “Rivista Terapia Familiare”, nº53, marzo 1007, APF, pagg. 37/43

 

RICHIESTA INFORMAZIONI

nome *

cognome *

email *

telefono

messaggio *

Accetto - tutela della privacy

Ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03, la compilazione del modulo costituisce esplicita autorizzazione e consenso alla detenzione e al trattamento dei dati personali, come disposto dal Codice in materia di dati personali. La informiamo inoltre che, relativamente ai dati forniti, potrà esercitare i diritti previsti dall"art. 7 del D.Lgs. 196/03.

i nostri recapiti

contatti telefonici

perchè contattarci

Se avete bisogno di maggiori informazioni in merito ai nostri servizi o ai contenuti pubblicati, se avete perplessità, se pensate che potremmo aiutarvi in qualche modo ma non avete idea di quale possa essere il servizio che potrebbe essere più adatto al caso vostro, potete contattare lo staff di Con.Te. alla mail scrivi@studiocon-te.it. Vi risponderemo entro 48 h.

In alternativa, potete contattare il singolo professionista sia via mail che telefonicamente.

continua Dunja Dibiagio – Con.Te.

Dunja Di Biagio
Psicologa, Psicoterapeuta

338.9251643
continua chiara falchetti – 2

Chiara Falchetti
Psicologa, Psicoterapeuta

347.1267846
continua foto DJP

Jacopo Piampiani
Psicologo, Psicoterapeuta, Mediatore familiare

335.7470438
continua Moira

Moira Picchi
Psicologa, Psicoterapeuta

393.5328204

via Alessandro Pieroni 27
57123, Livorno