archivio rss

Articoli correlati

#PrimaDellaViolenza 5 ottobre 2016

#PRIMADELLAVIOLENZA: LIVORNO 15/10/2016 – GIORNATA TOSCANA DEGLI UOMINI CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

#PRIMADELLAVIOLENZA: LIVORNO 15/10/2016  GIORNATA TOSCANA DEGLI UOMINI CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE  COMUNICATO STAMPA...

Attenzone! 5 maggio 2016

Quando rivolgersi al logopedista?

Non è mai “troppo” tardi ma neanche “troppo” presto Lo sviluppo tipico del linguaggio...

archivio rss

ci occupiamo di...

In questa sezione troverete solo alcuni dei servizi che lo Studio Con. Te. è in grado di offrire ai suoi utenti e alle sue utenti.

Per qualsiasi informazione o necessità, non indugiate a mettervi in contatto con lo Staff dello Studio, la vostra richiesta sarà trattata con la massima professionalità, tempestività, riservatezza e attenzione.

archivio rss

ti consigliamo

locandina ACAT Oltre il silenzio3-2 24 febbraio 2017

Oltre il silenzio… L’ascolto – Quando la “dipendenza” provoca dolore

Venerdì 24 febbraio 2017 a Pistoia, l’Associazione LUI è stata invitata a partecipare all’evento: “Oltre...

18 novembre 2013

Diventare Adolescenti

adolescenza

L’adolescenza può essere definita come un periodo critico sia per il giovane, protagonista principale, sia per la che si trova a vivere tale fase appunto. I rapporti spesso si incrinano: da una parte le ansie dei aumentano,dall’altra il desiderio ed il bisogno dei di muoversi con le proprie gambe e fare le proprie esperienze è pressante.

L’adolescenza fornisce un contributo essenziale e peculiare alla strutturazione della vita psicologica.

La caratteristica di base dell’adolescenza è il cosiddetto “breakdown evolutivo” cioè, una frattura nel corso dello dovuta all’impatto della pubertà sull’equilibrio delle strutture psichiche, che compromette l’instaurarsi dell’identità sessuale dell’.

La manifestazione probabilmente più evidente di questa rottura è da ricercarsi nei comportamenti aggressivi nei confronti dei genitori, nella grande sensazione di disagio che i ragazzi adolescenti manifestano.

Nella teoria di Erikson l’adolescenza corrisponde allo stadio di crisi dell’identità la cui soluzione sta nell’abbandonare l’identità fanciullesca e costruirne una nuova appropriata all’ingresso nell’età adulta. Una caratteristica importante dell’adolescenza è il con i genitori: non è rifiuto ma ribellione ai tentativi di controllo da parte dei genitori stessi.

All’allontanamento dai genitori, si contrappone un forte avvicinamento ai , che fornisce un valido sostegno emotivo e contribuisce alla rottura delle barriere tra i due sessi che si erano costruite e mantenute durante l’infanzia.

La lamentela più frequente negli adolescenti è quella di avere la sensazione continua di solitudine e isolamento e di percepire la natura effimera dei rapporti che instaurano con i coetanei. Inoltre è evidente, soprattutto osservando i fatti di cronaca degli ultimi tempi, che troppo spesso durante l’adolescenza si mettono in atto comportamenti pericolosi. Questo può essere dovuto a vari fattori: potrebbe essere un effetto collaterale dell’inizio della pubertà e dell’ingresso tardivo nella società adulta; gli adolescenti assumono questi comportamenti non per unirsi al mondo degli , ma per affermare la propria estraneità ad esso, poiché ai ragazzi interessa essere accettati dai coetanei e non dagli . Il manifestarsi di comportamenti pericolosi potrebbe essere altrimenti volto a dimostrare da parte degli adolescenti il proprio coraggio e il proprio valore per avanzare di status.

In questo quadro psicologico, il processo terapeutico può porsi l’obiettivo di giungere alla possibilità di conferire realtà emotiva al fatto che l’adolescente cominci a cogliere, nelle proprie richieste e nelle proprie emozioni, l’angoscia relativa al raggiungimento della maturità e all’incapacità di gestirla adeguatamente. Inoltre il processo terapeutico non solo può rendere capace l’adolescente di mettere in discussione le soluzioni da lui prima adottate, ma gli può essere offerto una nuova speranza consentendogli di non sentirsi più solo con il suo disagio.

A volte basta poco perché un ragazzo o una ragazza trovino quella serenità che gli consenta di far fronte a problemi tanto banali quanto apparentemente irrisolvibili.

Essi si trovano ad attraversare quella fase di transizione in cui sono piccoli per certe cose e grandi per altre; in cui si chiede loro di comportarsi da adulti, ma di non avere la pretesa di esserlo; in cui vorrebbero “spaccare il mondo” e gli viene impedito di farlo.

Hanno in mente progetti, aspirazioni, illusioni che non sanno se e come riusciranno a realizzare. Vorrebbero gridare al mondo intero la loro bravura e mostrare a tutti l’orgoglio di saper dare tanto, in cui vorrebbero mostrare la loro peculiare unicità,ma temono di essere derisi, sottovalutati o emarginati.

Dunque bisogna dare a questi giovani adulti le chiavi che aprono le porte dell’età adulta vera e propria, aiutarli a credere in se stessi e a non dubitare mai del proprio valore.

Gli obiettivi da perseguire nel lavoro con un adolescente possono pertanto essere i seguenti: conoscere ed amare sé stessi, gli altri ed il proprio corpo; acquisire consapevolezza rispetto al proprio ruolo nei diversi contesti come , famiglia, gruppo dei coetanei; imparare a dare fiducia e prendere coscienza delle proprie possibilità e dei propri limiti; imparare a gestire i conflitti tipici dell’adolescenza; stimolare l’autostima e far emergere i problemi nascosti elaborandoli in modo razionale.

 

 

 

 

 

 

 

 






RICHIESTA INFORMAZIONI

nome *

cognome *

email *

telefono

messaggio *

Accetto - tutela della privacy

Ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03, la compilazione del modulo costituisce esplicita autorizzazione e consenso alla detenzione e al trattamento dei dati personali, come disposto dal Codice in materia di dati personali. La informiamo inoltre che, relativamente ai dati forniti, potrà esercitare i diritti previsti dall"art. 7 del D.Lgs. 196/03.

i nostri recapiti

contatti telefonici

perchè contattarci

Se avete bisogno di maggiori informazioni in merito ai nostri servizi o ai contenuti pubblicati, se avete perplessità, se pensate che potremmo aiutarvi in qualche modo ma non avete idea di quale possa essere il servizio che potrebbe essere più adatto al caso vostro, potete contattare lo staff di Con.Te. alla mail scrivi@studiocon-te.it. Vi risponderemo entro 48 h.

In alternativa, potete contattare il singolo professionista sia via mail che telefonicamente.

continua Dunja Dibiagio – Con.Te.

Dunja Di Biagio
Psicologa, Psicoterapeuta

338.9251643
continua chiara falchetti – 2

Chiara Falchetti
Psicologa, Psicoterapeuta

347.1267846
continua foto DJP

Jacopo Piampiani
Psicologo, Psicoterapeuta, Mediatore familiare

335.7470438
continua Moira

Moira Picchi
Psicologa, Psicoterapeuta

393.5328204

via Alessandro Pieroni 27
57123, Livorno